maleficent

MALEFICENT – SIGNORA DEL MALE | Recensione del film con Angelina Jolie

A cinque anni di distanza torna la strega cattiva (ma ne siamo sicuri?) Malefica in Maleficent – Signora del male. Angelina Jolie indossa ancora una volta le iconiche corna e ali nel seguito dello spin-off in live action del classico Disney La bella addormentata nel bosco.

Sono passati cinque anni da quando Malefica ha ceduto il regno della Brughiera alla amata figlioccia Aurora. Da allora, gli animali e le creature fatate hanno vissuto in pace, lontano dai regni degli umani e in grande armonia. Quando Aurora riceve la proposta di matrimonio dal suo amato principe Filippo, la ragazza e la matrigna si recano a castello per conoscere i genitori del ragazzo. Non sanno che la regina Ingrith sta preparando un piano per liberarsi di Malefica una volta per tutte.

Maleficent è stato uno dei primi grandi successi nel programma di aggiornamento in live action targato Disney. La premessa di approfondire uno dei villain più iconici della casa di Topolino era molto interessante e il risultato era stato un film di grande intrattenimento capace anche di veicolare importanti messaggi di accoglienza e integrazione.

Maleficent – Signora del male allarga il mondo presentato dal primo film e approfondisce ancora di più i messaggi che la Disney vuole comunicare. Sotto l’ottima veste spettacolare di effetti, animazione e avventura, questo sequel insiste sul tema dell’inclusione del diverso, della libertà di amare e sul potere femminile.

Non c’è solo Malefica, terribile strega dal cuore d’oro. Ingrith, la new entry interpretata da Michelle Pfeiffer, è una regina senza scrupoli assetata di potere a tutti i costi. La contrasta la giovane Aurora, interpretata ancora una volta da Elle Fanning, con la sua purezza che è la sua forza più grande.

Con Maleficent – Signora del male Disney sembra puntare ad allargare ulteriormente il mondo di Malefica con nuove creature, nuove trame e nuovi personaggi. Molto facile attendersi un successo. Le anteprime romane alla presenza delle due dive Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer sono state un grande successo. È lecito attendersi che la saga verrà portata avanti (e una battuta di Jolie durante la conferenza stampa romana su un personaggio trasformato in capra ci fa capire che ci stanno pensando).

Unendo favola e azione, magia e sentimenti, l’universo cinematografico di Malefica e della (ex) bella addormentata nel bosco continua ad affascinare, divertire e a parlare anche al cuore e alle orecchie del pubblico.

(Malefica – Signora del male, di Joachim Rønning, 2019, fantastico, 117’)

Autore dell'articolo: moviedigger