animazione giapponese

Capolavori dell’animazione giapponese GRATIS al Palazzo delle Esposizioni

Una rassegna GRATUITA davvero da non perdere per tutti gli appassionati del cinema d’animazione giapponese!

L’animazione giapponese ha rivoluzionato il cinema mondiale, abbattendo il pregiudizio di genere riservato ai soli ragazzi. Impianto visivo strepitoso, ricchezza narrativa, rinato senso della meraviglia e rifiuto del rassicurante intreccio “buoni contro cattivi” ne fanno uno strumento di scoperta della natura umana, oltre che una perla di grande spettacolo.

In occasione della mostra Mangasia, una selezione di capolavori animati giapponesi esprime l’immaginario sorprendente creato da Miyazaki, Takahata – fondatori della mitica casa di produzione Studio Ghibli – e altri grandi autori nipponici, che affrontano tematiche universali quali l’amore, l’incomunicabilità, l’innocenza perduta, il dolore della distanza, il rapporto con la natura e il destino dell’umanità. Un’esperienza emozionante, coinvolgente e rivelatoria anche per quel pubblico che raramente si avvicina all’animazione.

Si ringraziano per i film: Francesco Chiatante Luca Raffaelli e Carlo Dutto, Dynit, Koch Media, Lucky Red, Nexo Digital, Park Circus, Sony Pictures.

animazione giapponese

Info principali:

Palazzo delle Esposizioni – Sala Cinema
scalinata di via Milano 9 a, Roma
INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI
I posti verranno assegnati a partire da un’ora prima dell’inizio di ogni proiezione. Possibilità di prenotare riservata ai soli possessori della membership card. L’ingresso non sarà consentito a evento iniziato.

Link alla pagina della rassegna: CLICCA QUI

Ecco il calendario completo:

  • 20 ottobre ore 21.00 | Nausicaä della valle del Vento di Hayao Miyazaki (Giappone, 1984, 117’)
    Un lontano futuro post-apocalittico per raccontare una parabola fantasy-ecologista.
  • 21 ottobre ore 21.00 | Laputa – Il castello nel cielo di Hayao Miyazaki (Giappone, 1986, 125’)
    L’avventurosa fuga dai pirati dell’aria di due ragazzi verso un’isola galleggiante nel cielo come metafora del passaggio all’età adulta.
  • 22 ottobre ore 21.00 | La tomba per le lucciole di Isao Takahata (Giappone, 1988, 89’)
    La tragica lotta per la sopravvivenza di due orfani durante la guerra descritta con crudo realismo.
  • 25 ottobre ore 21.00 | Akira di Katsuhiro Otomo (Giappone, 1988, 124’)
    Capolavoro di culto ambientato in una neo-Tokyo post-atomica, dilaniata da scontri tra governo e ribelli. Il Blade Runner dell’animazione giapponese.
  • 26 ottobre ore 21.00 | Pom Poko di Isao Takahata (Giappone, 1994, 119’)
    Un gruppo di animaletti magici tenta ad ogni costo di contrastare l’urbanizzazione selvaggia.
  • 27 ottobre ore 21.00 | Ghost in the shell di Mamoru Oshii (Giappone, 1995, 85’)
    Pilastro dell’animazione mondiale che ha influenzato Matrix e tanta fantascienza cinematografica, esprime una visione pessimistica del futuro, in cui esseri umani e robot si compenetrano.
  • 28 ottobre ore 21.00 | Principessa Mononoke di Hayao Miyazaki (Giappone, 1997, 137’)
    Un guerriero in esilio si ritrova in un conflitto tra umani e divinità. Gioiello visionario, ambientato in un medioevo fantastico, tra battaglie spettacolari e luci mistiche.
  • 29 ottobre ore 21.00 | La città incantata di Hayao Miyazaki (Giappone, 2001, 125’)
    Capolavoro assoluto dell’animazione contemporanea, vincitore di un Orso d’Oro e di un Oscar, ambienta in uno stupefacente mondo fiabesco, dove tutto si trasforma, un viaggio interiore di crescita e perdita.
  • 31 ottobre ore 21.00 | Oltre le nuvole: il luogo promessoci di Makoto Shinkai (Giappone, 2004, 90’)
    L’amicizia di due giovani scienziati nel Giappone diviso a seguito di un conflitto mondiale.
  • 1 novembre ore 21.00 | Paprika – Sognando un sogno di Satoshi Kon (Giappone, 2006, 90’)
    Una macchina penetra i sogni e l’inconscio mettendo a rischio la libertà umana. Psyco-thriller conturbante che confonde i piani del reale, del sogno e del cinema.
  • 2 novembre ore 21.00 | Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento di Hiromasa Yonebayashi (Giappone, 2010, 94’)
    Sotto il pavimento vivono i “prendinprestito”, gnomi che campano di rimasugli sottratti agli umani. Una poetica metafora delle presenze invisibili nelle nostre vite.
  • 3 novembre ore 21.00 | La storia della principessa splendente di Isao Takahata (Giappone, 2013, 137’)
    Disegnata a mano nella tradizione dei migliori inchiostri nipponici questa fiaba del X secolo è un atto d’amore verso l’immaginario antico.
  • 4 novembre ore 21.00 | Si alza il vento di Hayao Miyazaki (Giappone, 2013, 127’)
    L’epica di una nazione condensata nella biografia di un progettista di aerei, alter ego del disegnatore per il coraggio e la passione con cui affronta l’avventura della vita.
  • 5 novembre ore 21.00 | Your name. di Makoto Shinkai (Giappone, 2016, 106’)
    I sogni e le vite di due studenti si scambiano misteriosamente. Uno spettacolare viaggio esistenziale che è diventato uno strepitoso caso cinematografico, piazzandosi al 5° posto tra i maggiori incassi di tutti i tempi in Giappone.

Autore dell'articolo: moviedigger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.